Malawi / Ambiente

Il Lago Malawi, terzo più grande dell’Africa, è terribilmente inquinato dalla presenza di plastica sottile. Secondo gli esperti circa 1.000 specie di pesci sono in pericolo ed entro il 2050 c’è il rischio che l’intero stock ittico sia esaurito, a meno che il bacino non venga ripulito.

Il Malawi aveva bandito l’utilizzo di sacchetti di plastica nel 2012. Tuttavia la decisione venne annullata dopo che i produttori di plastica avevano presentato un esposto, citando una “violazione dei diritti delle imprese”. La Corte di appello ha riconfermato il divieto a luglio di quest’anno, ma le comunità che vivono lungo il Lago Malawi, per le quali la pesca è fonte primaria di sopravvivenza, lamentano l’ingente quantità di plastica che ormai inonda il vasto bacino.

Nell’ultimo periodo sono partite diverse campagne di sensibilizzazione sul tema ed è anche stata promossa un’iniziativa che mobilita le comunità per raccoglie la sporcizia nel lago. Il governo sta anche utilizzando i media locali per chiedere alle persone di smettere di usare sacchetti di plastica, preferendo piuttosto imballaggi di tela o carta. Ma per il momento non è stata attuata alcuna iniziativa per ripulire le acque inquinate. (Voice of America)

Foto Dhumiwiki