Marocco

E’ entrata in vigore ieri in Marocco la prima legge contro violenze e molestie sessuali. Il provvedimento, noto come legge Hakkaoui, dal nome del ministro per la Famiglia e le Donne che l’ha promosso, era stato approvato dal parlamento lo scorso 14 febbraio dopo cinque anni di discussioni.
Tra le fattispecie di reato prese in considerazione vi sono anche le molestie telefoniche e online.

Perlopiù positivo il giudizio delle associazioni per la tutela delle donne che però hanno sottolineato come la legge sia solo un primo passo sulla via dei pieni diritti e della reale parità di genere nel paese.

In Marocco, i media e le ong lanciano regolarmente l’allarme sul flagello della violenza contro le donne, in particolare molestie e violenze domestiche, mentre diversi casi di aggressione hanno occupato i titoli dei giornali negli ultimi anni. All’inizio del mese la storia di una diciasettenne vittima di una violenza collettiva aveva scosso il paese. (La Croix)