Le prove in un rapporto inedito dell’Onu
Un rapporto dell’Onu torna ad esaminare i massacri compiuti dai ribelli e dagli eserciti rwandese, ugandese, burundese e agolano durante i conflitti che hanno attraversato la Repubblica Democratica del Congo tra il 1993 e il 2003. Secondo le anticipazioni si potrebbe trattare di genocidio.

LA BOZZA DEL RAPPORTO
«Inchiesta internazionale sui massacri»
Zaire/Congo: i protagonisti
Il genocidio silenziato
Cronologia

Dieci anni di crimini commessi, tra il 1993 e il 2003, nell’est della Repubblica Democratica del Congo, potrebbero essere classificati come genocidio, con tutte le conseguenze che la definizione contiene, in termini di persecuzione dei responsabili. L’ipotesi è stata avanzata dalle anticipazioni diffuse dal quotidiano francese ‘le Monde’, relative ad un rapporto, non ancora pubblicato, all’esame dell’Alto commissariato Onu per i diritti umani. Il documento chiama in causa gli