Mauritania / Elezioni 2019

Il consiglio costituzionale della Mauritania ha confermato ieri la vittoria di Mohamed Ould Ghazouani alle elezioni presidenziali del 22 giugno con il 52% dei consensi, respingendo i ricorsi di due candidati dell’opposizione per mancanza di prove sufficienti di brogli.

Ghazouani entrerà in carica il 2 agosto, succedendo all’alleato Mohamed Ould Abdel Aziz che ha completato i due mandati consecutivi di cinque anni previsti dalla Costituzione. Prima di essere eletto presidente, il generale aveva prestato servizio come ministro della Difesa.

Con la conferma da parte della Corte costituzionale si completa la prima transizione democratica del potere dall’indipendenza del paese dalla Francia nel 1960.

Il 23 e 24 giugno i partiti di opposizione avevano denunciato frodi elettorali, indicendo manifestazioni di protesta nelle quali ci sono stati numerosi ferimenti e arresti per scontri tra manifestanti e polizia. Il ministro dell’Interno Ahmed Ould Abdallah aveva anche parlato di un centinaio di stranieri fermati durante gli scontri, denunciando tentativi esterni di destabilizzare il paese. (Voice of America)