Immigrazione

L’Italia si aspetta dall’Unione europea un sostegno maggiore nella gestione dei flussi migratori nel mar Mediterraneo e nell’operazione Triton. Lo ha detto il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, entrando al Consiglio Ue Affari esteri, che oggi si occuperà anche del tema immigrazione. “Sulle migrazioni obiettivamente ci aspettiamo un sostegno maggiore dell’Europa su Triton e sul Mediterraneo”, ha spiegato.

“Sono 11 anni che i ministri degli Esteri della Ue non adottano conclusioni sull’immigrazione. E’ ora di voltare pagina sulle politiche europee dell’immigrazione ed è ora che i ministri degli Esteri siano pienamente coinvolti e responsabili della gestione delle politiche migratorie dell’Unione europea”, ha detto da parte sua l’Alto rappresentante Ue per gli Affari esteri,Federica Mogherini, entrando al Consiglio Ue Affari esteri. “I ministri dell’Interno – ha aggiunto – hanno lavorato su questo la scorsa settimana. E’ importante che noi oggi facciamo il collegamento fra le politiche esterne e quelle interne”.

Nel frattempo, incontrando i giornalisti davanti al Cara di Mineo, il centro di accoglienza per i richiedenti asilo in provincia di Catania,Matteo Salvini ha affermato che “non è normale che la Sicilia, che ha un tasso di disoccupazione altissimo, faccia arricchire qualcuno con il business dell’immigrazione. Questo centro – ha detto il presidente del movimento ‘Noi con Salvini’ – va chiudo domani mattina, le navi della Marina Militare difendano i confini e la Sicilia deve lavorare non sulla pelle dei nuovi schiavi”. (adnkronos.com)