Migranti

Il ministero dell’interno ha inviato una circolare a tutti i prefetti in cui chiede di individuare strutture di accoglienza sui loro territori per far fronte all’arrivo di migliaia di migranti sulle coste italiane.

Nella circolare, firmata dal prefetto Mario Morcone, direttore del dipartimento immigrazione, si legge che “servono subito 6.500 posti”, anche con “provvedimenti di occupazione d’urgenza e requisizione”, e che “è indispensabile trovare soluzioni per una civile accoglienza ai gruppi di migranti e richiedenti asilo”. Si prevede che Piemonte, Lombardia, Veneto, Toscana, Emilia e Campania mettano a disposizione 700 posti, la Puglia 300, il Lazio e le Marche 250 e altri 1.500 siano divisi nel resto d’Italia.

Dall’inizio dell’anno ci sono stati 120 sbarchi in Italia. Sono 18.260 le persone arrivate soprattutto dalla Siria e dall’Africa subsahariana. Negli ultimi quattro giorni nel Canale di Sicilia sono state soccorse quasi settemila persone. (Internazionale.it)

Intanto stamane sono sbarcati all’alba nel porto di Palermo 1.169 immigrati soccorsi da una nave militare. Tra loro anche 55 bambini, e 298 donne, alcune delle quali in gravidanza. Provengono da Siria, Eritrea e Somalia.

La polizia di stato a Ragusa ha fermato il quattordicesimo scafista del 2015. E’ un africano, orginario della Guinea. Fino ad oggi sono stati individuati tutti i responsabili degli sbarchi avvenuti a Pozzallo.
All’uomo non viene contestato solo il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina ma anche la morte seppure non voluta di un profugo che e’ deceduto durante la traversata e gettato in mare. Il cadavere per come riferito dai compagni, e’ stato dato in pasto agli squali che seguivano il gommone. La morte, cosi’ come in altri casi e’ intervenuta dopo le forti esalazioni di benzina che si era rovesciata dalle taniche per il mare mosso. (Agi.it)