MURAGLIA VERDE PANAFRICANA – DOSSIER FEBBRAIO 2020

La mappatura dell'implicazione di ciascuno dei 22 paesi nella Gmv e dell’avanzamento dei progetti.

Burkina Faso
Aderente ufficialmente alla Gmv e membro dell’Agenzia panafricana Gmv, possiede un’agenzia nazionale. Ha elaborato una strategia e un piano d’azione. Progetti conclusi o in via di conclusione: Sawap (The Sahel and West Africa Program della Banca mondiale), Action Against Desertification e Fleuve (Fao e Ue). Nel 2016 si è concluso “Closing the gaps in Great Green Wall” finanziato dal Global Environmental Facility e attuato dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (Unep). Anche l’organizzazione di sviluppo Tree Aid ha contribuito a piantare alberi nel paese dove circa un terzo della terra dell’intero paese è degradato. Un’area che ogni anno si espande per più di 300.000 ettari. Secondo i dati pubblicati dalla Fao, dal 2016 sarebbero stati rigenerati 14.000 ettari di terra. Le azioni avrebbero raggiunto circa 9.000 contadini, per il 20% donne, nelle provincie di Séno e Soum.

Camerun
Aderente ufficialmente alla Gmv. I principali attori non hanno progetti in corso.

Ciad
Aderente ufficialmente alla Gmv e membro dell’Agenzia panafricana Gmv, possiede un’agenzia nazionale. Progetti in via di conclusione: Sawap (Banca mondiale) e Fleuve (Fao e Ue). Nel 2016 si è concluso “Closing the gaps in Great Green Wall” finanziato dal Global Environmental Facility e realizzato dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente. Ha elaborato un piano d’azione nazionale insieme alla Fao. Il tracciato attraversa 8 regioni e prevede…

Continua a leggere questo dossier e gli altri articoli di approfondimento e analisi abbonandoti alla rivista mensile, cartacea o digitale