Nigeria / Delta del Niger

I Niger Delta Avengers, gruppo armato attivo nel sud della Nigeria, hanno rivendicato un nuovo attacco contro gli oleodotti nella regione, dove si concentra la produzione petrolifera della prima economia africana. Lo hanno reso noto nella serata di ieri fonti militari, citate dalla rivista Jeune Afrique. “L’attacco, che ha colpito un pozzo gestito da Chevron Nigeria, si è verificato nelle regioni di Makarava e Batan”, ha dichiarato un ufficiale dell’esercito nigeriano. (Agenzia Nova)

Nell’intera regione del Delta del Niger, dopo anni di relativa calma, si sta vivendo il riemergere della violenza sotto forma di attacchi, sequestri e rapimenti. 3 lavoratori dell’Eni/Agip sono stati uccisi venerdì scorso mentre cercavano di riparare un oleodotto. L’altro ieri gli Avengers hanno rivendicato 5 nuovi attacchi nel corso del week-end, nonostante il governo nigeriano avesse dichiarato il raggiungimento di una tregua con le milizie armate. Gli ultimi assalti risalivano al 16 giugno.

Il gruppo ha preso di mira in particolare le compagnie petrolifere straniere, attaccandone in più occasioni le installazioni e causando, oltre a ingenti danni ambientali, anche una contrazione della produzione petrolifera. Questa è crollata a 1,65 milioni di barili al giorno contro i 2,2 milioni di inizio anno, un picco negativo che in Nigeria non si toccava da quasi un trentennio. Gli Avengers hanno anche manifestato simpatie per il gruppo secessionista del Biafra, guidato da Nnamdi Kanu, di cui Nigrizia ha trattato nel numero di giugno. (Redazione)