Nigeria

Il governo della Nigeria ha promesso di chiudere una stazione radio illegale gestita da simpatizzanti dello stato secessionista del Biafra. Il Ministero dell’informazione ha detto di aver “bloccato con successo le trasmissioni” della stazione.

Tuttavia il corrispondente della Bbc, Abdussalam Ahmed, a Enugu ha riferito che Radio Biafra starebbe ancora trasmettendo. Non è chiaro dove sia basata, ma trasmette principalmente in lingua Igbo, praticata nel sud-est del paese.

La prima repubblica del Biafra ha dichiarato l’indipendenza dalla Nigeria nel maggio del 1967, ma alla fine fu sconfitto dopo una guerra civile durata tre anni che è costata più di un milione di vite.

Il corrispondente della Bbc dice che i proprietari della stazione producono programmi telefonici con gli ascoltatori che chiamano per parlare di questioni che riguardano la loro regione e il loro desiderio di indipendenza dalla Nigeria.

Una radio che, secondo i racconti, avrebbe anche ridicolizzato il presidente nigeriano Muhammadu Buhari e altri funzionari del governo.

Anche se la rivolta separatista del Biafra fu domata dai militari, un gruppo chiamato “Movimento per l’attualizzazione di uno Stato sovrano del Biafra” (Massob) avrebb già attarato e coinvolto fra le sue file molti giovani della regione.

Questo gruppo ritengono di essere stati discriminati da chi è al potere ad Abuja e rivendicano ovviamente l’indipendenza della regione. Molti dei loro leader e simpatizzanti sono stati arrestati dalle autorità con l’accusa di tradimento. (Bbc)