Nigeria e Sudafrica

La polizia nigeriana ha deciso di rafforzare le misure di sicurezza nelle ambasciate e nelle imprese estere del paese, un provvedimento preso in reazione alla scia di violenze scoppiate in Nigeria contro i cittadini e le imprese sudafricani. Lo hanno comunicato i vertici della polizia ai media locali. Le violenze contro cittadini e imprese straniere si sono verificate in rappresaglia agli attacchi a sfondo xenofobo scoppiati a Pretoria e Johannesburg, in Sudafrica. Per evitare il rischio di danni la compagnia sudafricana di telecomunicazioni Mtn ed altre insegne sudafricane con filiali in Nigeria ieri hanno chiuso tutte le loro sedi nel paese. In Sudafrica, in seguito allo scoppio delle violenze cinque persone sono morte e oltre 80 persone sono state arrestate. Il presidente nigeriano Muhammadu Buhari ha richiamato il suo ambasciatore Kabiru Bala, e annunciato che nessuna autorità nigeriana prenderà inoltre parte al Forum economico mondiale sull’Africa che si è aperto ieri a Città del Capo.