Oggi parliamo dell’inchiesta italiana sull’uccisione nella Rd Congo dell’ambasciatore Luca Attanasio, della presenza di soldati somali nella regione etiopica del Tigray e di un premio letterario assegnato alla scrittrice dello Zimbabwe Tsitsi Dangarembga.

Rd Congo, omicidio dell’ambasciatore Attanasio: indagato a Roma un funzionario del Pam 

La procura di Roma ha indagato per omicidio colposo un funzionario del Programma alimentare mondiale (Pam) che era addetto alla sicurezza dell’ambasciatore italiano Luca Attanasio, ucciso da un gruppo armato il 22 febbraio nel Nord Kivu, nell’Est della Repubblica democratica del Congo, mentre si trovava sulla jeep di un convoglio umanitario diretto a Rutshuru.
Con l’ambasciatore erano stati uccisi il carabiniere Vittorio Jacovacci e l’autista congolese Mustapha Milambo.
Alla procura di Roma il funzionario del Pam dovrà spiegare perché non ha chiesto per tempo l’autorizzazione al trasferimento, così da consentire alla Missione Onu nel Paese di organizzare la scorta armata, e perché non ha comunicato che avrebbero partecipato al viaggio il diplomatico italiano e il carabiniere.

Etiopia: l’Onu conferma la presenza di militari somali nel Tigray

Un rapporto delle Nazioni Unite afferma che reclute dell’esercito nazionale somalo hanno partecipato ad azioni di guerra insieme all’esercito eritreo in Etiopia, nella regione del Tigray.
Il rapporto conferma le denunce fatte già alla fine del 2020 da alcune famiglie somale che chiedevano al governo notizie dei figli, inviati in Eritrea per addestramento, poi mandati a combattere in Etiopia, da dove non sono mai tornati.
Il governo di Mogadiscio ha sempre negato che soldati somali siano coinvolti nel conflitto in corso da novembre 2020 nella regione etiopica contro il Fronte popolare di liberazione del Tigray (Tplf).

Zimbabwe: il premio PEN Pinter assegnato alla scrittrice Tsitsi Dangarembga

La scrittrice dello Zimbabwe Tsitsi Dangarembga, ha ricevuto il premio PEN Pinter, per la sua “capacità di catturare e comunicare verità vitali anche in tempi di sconvolgimento”.
Il premio è assegnato dagli attivisti dell’ong britannica per la libertà d’espressione PEN in memoria del premio Nobel Harold Pinter.
“Credo che la ricezione positiva di opere letterarie come la mia aiuti a dimostrare che possiamo unirci attorno a ciò che è positivamente umano”, ha detto.
Scrittrice, regista, drammaturga, Tsitsi Dangarembga, 62 anni, era stata arrestata lo scorso 31 luglio mentre manifestava contro la corruzione ad Harare e accusata di incitamento alla violenza.
Il premio PEN Pinter in passato è stato assegnato, tra gli altri, a Chimamanda Ngozi Adichie, Margaret Atwood e Linton Kwesi Johnson.

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati