Adama Barrow

Oggi parliamo di Gambia e della riconferma alla presidenza di Adama Barrow; dello sciopero dei medici negli ospedali nigeriani e del nuovo rapporto Sipri sulla crescita della vendita di armi nel 2020 nonostante la pandemia.

 

Gambia: Adama Barrow riconfermato presidente

Il presidente uscente Adama Barrow è stato riconfermato per un secondo mandato alla testa del Gambia, piccolo paese dell’Africa occidentale che Barrow governa dal 2017 dopo aver sconfitto alle urne l’autoritario Yahya Jammeh. Le Commissione elettorale ha reso noto che ha partecipato l’89% dei 900mila gambiani aventi diritto. Barrow ha avuto il 53,2% dei consensi contro il 27,7% di Ousainou Darboe, il suo principale avversario. Darboe e altri due candidati hanno contestato sommessamente i risultati e invitato i loro sostenitori a mantenere la calma in attesa di eventuali ricorsi. Il voto è stato seguito da un consiglio di saggi della comunità economica dell’Africa occidentale.

Nigeria: scioperano i medici degli ospedali pubblici

Una buona parte dei medici che lavorano negli ospedali pubblici della Nigeria sono oggi in sciopero. Si tratta dell’ultima di una serie di agitazioni indetta dal maggiore sindacato che chiede al governo di onorare la promessa di pagare i salari arretrati e chiede inoltre che siano aumentati i mezzi destinati agli ospedali pubblici. Secondo il sindacato non ci sono letti sufficienti, mancano i medicamenti necessari e così pure i kit di protezione per medici e infermieri. La Nigeria ha 200 milioni di abitanti e, secondo l’Associazione di categoria, i medici generalisti sono 42mila, cioè due medici ogni 10mila abitanti. All’inizio della pandemia di Covid-19, l’Associazione dei medici aveva denunciato che tra il 70 e l’80% degli ospedali pubblici non disponevano di acqua corrente a sufficienza.

Rapporto Sipri: cresce la vendita di armi

Le vendite di armi e servizi militari delle 100 maggiori compagnie del settore hanno totalizzato 531 miliardi di dollari nel 2020, con un aumento dell’1,3 rispetto all’anno precedente. Sono i dati usciti dal nuovo report dello Stockholm International Peace Research Institute, il SIPRI. Vendite aumentate anche se l’economia globale si è contratta del 3,1% durante il primo anno della pandemia. Una crescita superiore del 17% rispetto al 2015 – il primo anno in cui il SIPRI ha incluso i dati sulle aziende cinesi. Il 2020 è stato il sesto anno consecutivo di crescita delle vendite di armi da parte delle Top 100. Gli Stati Uniti ancora una volta hanno il maggior numero di aziende tra le prime 100 (41 in tutto) per un valore di 285 miliardi di dollari, in aumento dell’1,9% rispetto al 2019. Rappresentano il 54% delle vendite totali.

 

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati