Manifestanti pro-democrazia a Khartoum (Credit: middle-east-online.com)

Oggi parliamo delle imponenti manifestazioni pro-democrazia in Sudan, del sostegno degli studenti allo sciopero degli insegnanti nella Rd Congo e di Paulina Chiziane, l’autrice mozambicana vincitrice del premio letterario Camões 2021.

Sudan: imponenti manifestazioni contro il potere ai militari, represse con uso della forza dalla polizia

In Sudan ieri enormi folle di persone hanno marciato in diverse parti della capitale e in altre città contro la prospettiva di un governo militare. La protesta ha avuto luogo nell’anniversario della Rivoluzione d’ottobre del 1964 che rovesciò un governo militare e portò a un periodo di democrazia parlamentare. L’agenzia Reuters ha parlato di centinaia di migliaia di manifestanti, con diversi ministri e funzionari del governo che hanno marciato in diverse zone della capitale. Davanti al palazzo del parlamento a Omdurman la polizia ha usato gas lacrimogeni e proiettili veri per disperdere le proteste pacifiche. Il Comitato dei medici sudanesi ha affermato che 37 persone sono rimaste ferite, 4 delle quali con ferite da arma da fuoco.

Rd Congo: studenti occupano il parlamento in solidarietà con gli insegnanti in sciopero

Centinaia di studenti hanno invaso ieri il parlamento della Repubblica democratica del Congo in appoggio agli insegnanti in sciopero da due settimane proprio in avvio del nuovo anno scolastico. Le richieste degli insegnanti riguardano tra l’altro aumenti salariali e un abbassamento dell’età della pensione. Le proteste degli studenti non si sono limitate a Kinshasa ma hanno visto mobilitarsi i giovani anche a Beni, nella martoriata regione del Nord Kivu, e in altre città. Il governo ha accusato i leader religiosi, che gestiscono gran parte delle scuole primarie, di essere dietro la protesta. Il vice-presidente dell’assemblea nazionale, Jean Mark Kabunda ha ammonito gli studenti a tornare a casa, perché, ha detto, “non hanno nulla a che fare con lo sciopero degli insegnanti”. 

Il premio letterario Camões 2021 assegnato alla scrittrice mozambicana Paulina Chiziane 

La scrittrice mozambicana Paulina Chiziane è la vincitrice del Premio letterario Camões 2021, il più importante riconoscimento per gli scrittori dei paesi di lingua portoghese. Chiziane, 66 anni, è la prima donna africana a vincere il premio Camões, e la terza autrice del Mozambico dopo José Craveirinha nel 1991 e Mia Couto nel 2013. La scrittrice, nata in un umile quartiere alla periferia di Maputo, si è detta molto orgogliosa di aver visto il suo lavoro riconosciuto dal più alto premio letterario di lingua portoghese e che spera possa essere d’ispirazione per le nuove generazioni. Nell’assegnare il premio, all’unanimità, la giuria ha ricordato l’importanza che Chiziane dedica nei suoi libri ai problemi delle donne mozambicane e africane.

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati