Nazioni Unite

Il Niger e la Tunisia sono stati eletti venerdì scorso membri non permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Inizieranno il loro mandato di due anni il 1° gennaio 2020, assieme alle altre tre nazioni elette: Estonia, Saint Vincent e Grenadine (arcipelago dei Caraibi del Sud), Tunisia e Vietnam. I cinque sostituiranno Costa d’Avorio, Guinea Equatoriale, Kuwait, Perù e Polonia, i cui mandati scadono il 31 dicembre 2019.

La Tunisia, per voce del suo ministro degli Esteri Khemaies Jhinaoui, ha promesso di difendere i diritti umani e il ruolo delle donne. «La Tunisia, una nazione in democrazia che negli ultimi anni ha fatto passi da gigante nella costruzione di un nuovo sistema democratico, sarà la voce per i diritti umani e sarà anche la voce per il ruolo delle donne nel contribuire alla costruzione e al mantenimento della pace», ha detto.

«La nostra priorità è la lotta contro il terrorismo», ha detto invece il ministro degli Esteri nigerino, Kalla Ankouraou. «Oggi non esiste una priorità più alta di questa al mondo… Occorre combattere le cause del terrorismo che sono principalmente il risultato del sottosviluppo», ha aggiunto. (All Africa)