Taglia le ali alle armi
Lanciato dalla campagna "No F-35" l’ultimo spot di supporto alla mobilitazione. Il video dal titolo “La lezione” è dedicato al tema della scuola. Ridurre le spese militari inutili, come quella per i cacciabombardieri, per aumentare quelle che garantiscono un futuro migliore alle giovani generazioni.

È la scuola il grande tema a cui la campagna “Taglia le ali alle armi” (che dal 2009 si oppone all’acquisto dei caccia F-35) ha voluto dedicare la propria attenzione con l’ultimo dei video della serie #NOF35 di supporto alla campagna.

Il video dal titolo “La lezione”, porta ancora una volta all’attenzione dell’opinione pubblica italiana che non è certo con le spese militari che si può garantire un miglior futuro alle giovani generazioni di ragazzi e ragazze. Così come si ricorda nella parte conclusiva dello spot, in cui vengono riportati una serie di dati di confronto interessanti tra la spesa per gli F-35 e quella per investimenti educativi nel nostro paese.

“Questo video ben rappresenta la nostra idea di scuola e di sviluppo e il lancio durante gli esami di maturità per le organizzazioni studentesche ha un significato più profondo – commenta Martina Carpani dell’Unione degli Studenti – Ci sembra davvero assurdo che in Italia si spenda così tanto per i caccia F-35 quando non si è in grado di garantire le borse di studio a tutti gli studenti aventi diritto in difficoltà economica, non si può prevedere una totale messa a norma delle scuole del Paese ed addirittura nelle scuole si hanno difficoltà a sostenere le spese per la strumentazione, per i recuperi pomeridiani e per l’offerta formativa extracurriculare”.

Lo spot verrà diffuso anche grazie ai social network utilizzando l’hashtag #scuolanonF35.

Clicca qui per vedere gli altri video-spot della Campagna “No F-35”.