AUDIO PODCAST
La nuova Esortazione Apostolica arriva a conclusione del Sinodo sull’Amazzonia. Suor de Oliveira: «Importante raccogliere i frutti di quest’esperienza».

Querida Amazonia (Amata Amazzonia). È questo il titolo dell’ultima Esortazione Apostolica firmata da Papa Francesco e presentata il 12 febbraio nella sala stampa della Santa Sede, stazione finale del lungo cammino iniziato con la visita del pontefice a Puerto Maldonado in Perù, nel gennaio 2018, e proseguito con consultazioni in tutta la Regione Amazzonica, che hanno visto la partecipazione di 87mila persone, tra vescovi, religiosi e religiose, leader comunitari, catechiste e indigeni.

Un titolo che è già di per sé, allo stesso tempo, un metodo e un messaggio, lo stesso che il Papa vuole trasmettere in questo modo ai popoli indigeni dopo il Sinodo Amazzonico dello scorso ottobre: «È un titolo che dice tanto per noi perché la parola Querida significa amore, tenerezza, custodire, affetto. Ed è un’esortazione che ci porta a navigare, ad addentrarci nella foresta amazonica con tanto amore per cogliere tutti i frutti di quest’esperienza», ha sottolineato suor Augusta de Oliveira, vicaria generale delle Serve di Maria Riparatrici, intervistata a margine della conferenza stampa.

Sebbene l’esortazione apostolica non contenga aperture rispetto all’ordinazione dei viri probati né sul diaconato femminile, nel cuore della religiosa, la cui Congregazione è presente da 100 anni nelle Regione Panamazzonica, risuonano con commozione le parole di riconoscimento del Papa sulla presenza di donne “forti e generose” in Amazzonia e invita ad allargare la visione con creatività e a continuare il servizio con maggiore generosità.

Tra i tanti esempi mirabili di dedizione al femminile, generosità e abnegazione, quello di suor Dorothy Stang, che proprio il 12 febbraio di quattordici anni fa veniva assassinata nel cuore dell’Amazzonia brasiliana, dopo una vita donata ai “poveri più poveri”. Ascolta l’intervista.

Nella foto: suor Dorothy Stang, assassinata il 12 febbraio 2006 nel cuore dell’Amazzonia.