Repubblica democratica del Congo

Vigilia di Natale di sangue in tre località nel territorio di Beni, nel Nord Kivu, nell’est della Repubblica Democratica del Congo. Secondo notizie giunte da fonti locali, nella prima mattina del 24 dicembre gli abitanti di Vemba-Todo/Mavivi, Mukoko/Oïcha, e di Mayangos/Beni sono stati assaliti dai guerriglieri dell’Adf-Nalu, un gruppo di origine ugandese che opera nell’area, che hanno ucciso almeno 20 civili all’arma bianca.

È la prima volta che tre località vengono colpite contemporaneamente, fanno notare commentatori locali, che denunciano inoltre la pratica dello smembramento dei corpi delle vittime per seminare il terrore nella popolazione. L’Adf-Nalu ha assunto negli ultimi anni la caratterizzazione di un movimento jihadista, ma secondo gli abitanti della regione si tratterebbe solo dell’ultimo dei diversi gruppi armati attivi nell’area, sostenuti da potenze locali ed extrafricane, che seminano il terrore per poter sfruttare impunemente le enormi risorse naturali locali.

Un altro gruppo armato presente nell’area sono le Fdlr (Forze Democratiche di Liberazione del Rwanda) che si sono rese responsabili del massacro di 33 civili in altre tre località del Nord Kivu. Secondo notizie pervenute, i massacri sono stati perpetrati tra il 16 e il 22 dicembre. La maggior parte delle persone uccise erano ostaggi rapiti in precedenza. (Fides)