Rd Congo / Usa

Gli Stati Uniti hanno imposto ieri nuove sanzioni contro un generale dell’esercito e tre leader di milizie attive nell’est della Repubblica democratica del Congo, colpevoli di aver intrapreso “attività destabilizzanti” che hanno prolungato il conflitto in atto nel paese.

Si tratta del generale Muhindo Akili Mundos (nella foto), alleato del presidente Joseph Kabila, accusato di una serie di massacri di civili a Beni, nella provincia del Nord Kivu. Con lui ci sono i leader di tre diverse milizie: Gedeon Kyungu Mutanga, Guidon Shimiray Mwissa e il rwandese Lucien Nzabamwita, alias André Kalume, uno dei comandanti delle Forze democratiche per la liberazione del Rwanda (FDLR).

I quattro, a diverso titolo, sono responsabili di abusi sessuali, uccisioni arbitrarie di civili e reclutamento militare forzato di bambini.

L’azione degli Stati Uniti è arrivata pochi giorni dopo che il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha inserito nella lista nera i quattro uomini, considerati “una minaccia per la pace, la stabilità e la sicurezza nel paese”, accusati di “pianificare, dirigere e commettere atti che costituiscono violazioni dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario”. (VoA / Jeuneafrique)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati