Rd Congo / Unione Europea

Gli stati membri dell’Unione Europea (UE) hanno annunciato venerdì scorso la decisione di non rilasciare più il visto d’ingresso ai cittadini della Repubblica democratica del Congo (RdC) con passaporto elettronico (chiamato semi-biometrico nella RdC), “fino a data da destinarsi”. L’iniziativa è conseguente alla scelta compiuta dal governo congolese che il 15 settembre scorso aveva annunciato che a partire dal 16 ottobre, i passaporti elettronici in possesso dei suoi cittadini non saranno più validi.

Il comunicato dell’UE precisa tuttavia che “i visti già rilasciati su questi passaporti invalidati, rimarranno” validi dal punto di vista della legislazione europea, se accompagnati da un documento di viaggio valido”.

Kinshasa aveva spiegato la sua decisione di sospendere i passaporti elettronici con l’impossibilità di far circolare contemporaneamente due passaporti (quello elettronico e quello biometrico). Una posizione alla quale l’Europa si è adeguata, non prima però d’aver fatto notare alle autorità congolesi che “anche nello spazio Schengen circolano legalmente passaporti elettronici e passaporti biometrici” e che questo non creal alcun problema.

Il passaporto biometrico è stato introdotto per la prima volta in RdC nel novembre del 2015, ma questo documento è classificato tra i più costosi del mondo. (Agenzia Anadolu)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati