Rd Congo / Ituri

Almeno 40 persone sono state uccise nella notte tra lunedì e martedì in nuove violenze etniche in quattro villaggi del territorio di Djungu, nella provincia dell’Ituri, nel Nordest della Repubblica democratica del Congo, tra allevatori di bestiame hema e agricoltori lendu.

I combattimenti tra i due gruppi, istigati dalle milizie lendu, hanno ucciso dozzine di persone e spinto più di 200 mila altre a fuggire dalle loro case dallo scorso dicembre. Il conflitto per la terra ha radici antiche e dall’inizio del secolo ha causato oltre 60 mila morti. La Chiesa cattolica ha però recentemente denunciato “la strumentalizzazione” di queste violenze, rimproverando un “silenzio mascherato e una passività delle autorità, di fronte a questa situazione”.

La scorsa settimana il ministro dell’Interno e della Sicurezza congolese, Henry Mova, si è recato, senza successo in Ituri per tentare di allentare le tensioni in questa provincia ricca di oro, che negli anni 2000 ha visto la disputa sulla terra tra hema e lendu – ciascuno dotato di un’ala armata e di miliziani – trasformarsi in un massacro, interrotto da un’operazione militare speciale (Artemis), lanciata nel 2003 dall’Unione europea e sostenuta dall’Onu. (Agenzia Anadolu)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati