Rd Congo / Elezioni 2018

Sono state posticipate al 30 dicembre le elezioni generali in programma domenica nella Repubblica democratica del Congo (RdC). Ad annunciarlo è stata ieri la presidente della Commissione elettorale nazionale indipendente (CENI), Corneille Nangaa, spiegando di non essere pronta a causa di un incendio che la scorsa settimana ha distrutto quasi l’80% delle 10.000 macchine per il voto elettronico della capitale, Kinshasa.

Nangaa ha detto che i funzionari hanno trovato abbastanza macchine per il voto per Kinshasa, ma hanno dovuto stampare cinque milioni di nuove schede. Ha fatto appello alla calma ai 46 milioni di elettori del paese, grande quatto volte la Francia.

Le elezioni della RdC, posticipate ripetutamente dal dicembre 2016, hanno lo scopo di scegliere un successore del presidente Joseph Kabila, che dovrà dimettersi dopo 18 anni al potere. Il paese non ha mai avuto una transizione pacifica del potere da quando ha ottenuto l’indipendenza dal Belgio, nel 1960.

La cancellazione del voto di domenica ha provocato reazioni di rabbia tra i leader dell’opposizione candidati alla presidenza, Martin Fayulu e Felix Tshisekedi, che accusano la CENI di favorire Kabila, il cui delfino, Emmanuel Ramazani Shadary si è detto invece soddisfatto delle motivazioni annunciate da Nangaa.

Lo slittamento del voto era prevedibile viste le difficoltà e i costanti ritardi organizzativi dovuti anche al fatto che il governo ha sempre respinto le proposte di aiuto della comunità internazionale.

Dopo l’annuncio, ieri, il campus dell’Università di Kinshasa è stato isolato dalle forze di sicurezza. In precedenza gli studenti avevano protestato, chiedendo che le elezioni si svolgessero come previsto questa domenica.

La campagna elettorale è stata caratterizzata dalle violenze, con diversi sostenitori dell’opposizione uccisi negli scontri con le forze di sicurezza durante manifestazioni di piazza. (Al Jazeera)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati