La rappresentante dell’Onu per la missione in Repubblica democratica del Congo, Leila Zerrougui, ha riferito, giovedì, che non sono ancora state raggiunte le condizioni necessarie per garantire il giusto svolgimento delle prossime elezioni presidenziali di dicembre e che ciò potrebbe compromettere la credibilità stessa del voto.

La rappresentante ha detto ai membri del Consiglio di sicurezza che «le violazioni dei diritti umani e delle libertà fondamentali continuano ad avere un impatto negativo» e che «tanti funzionari civili e politici appartenenti all’opposizione continuano a essere arbitrariamente arrestati, mentre i giornalisti sono spesso minacciati». Ha affermato che gli attori politici non hanno ancora attuato misure per portare maggiore sicurezza nella regione orientale del paese che rimane attraversata da forti instabilità.

Zerrougui, infine, ha accolto positivamente l’aumento delle registrazioni dei candidati per le prossime elezioni provinciali notando che, dopo un lento inizio, più di 18mila persone si sono iscritte per competere per i 715 posti da assegnare, anche se la partecipazione femminile risulta essere ancora molto bassa.

L’Onu, che attualmente è impegnata in Rd Congo con più di 18mila peacekeeper, si è detta disponibile a fornire un aiuto logistico durante le elezioni ma finora la commissione elettorale non ha risposto a questa offerta. (VOA news)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati