Senegal / Elezioni legislative 2017

Con due anni circa di anticipo sulla data fissata per il voto, il leader della coalizione di opposizione in Senegal, il 91enne ex-presidente Abdoulaye Wade, ha dichiarato ieri che non parteciperà alle future elezioni presidenziali – nel 2019 – contestando i risultati delle recenti elezioni legislative, definite “una mascherata”.
“Il coordinamento dei partiti di opposizione Wattu Senegal non parteciperà più ad alcuna elezione di alcun tipo organizzata dal governo di Macky Sall”, ha detto Wade in una dichiarazione televisiva “E si opporrà in ogni modo a qualsiasi tentativo di Sall di organizzare una maschera simile a livello nazionale”.

I risultari definitivi del voto del 30 luglio, annunciati dalla Commissione elettorale il 4 agosto, assegnano alla coalizione del presidente Macky Sall 125 dei 165 seggi dell’assemblea nazionale (parlamento). Alla coalizione di Wade, che Sall ha sconfitto alle presidenziali del marzo 2012, sono andati solo 19 seggi. Altri 7 parlamentari sono stati conquistati dal partito del sindaco di Dakar, Khalifa Sall, in carcere da sei mesi con accuse di corruzione che i suoi sostenitori affermano siano politicamente motivate.

In Senegal l’equilibrata dialettica politica e la buona organizzazione del voto nel 2012 aveva rafforzato la reputazione di un paese democratico tra i più stabili dell’Africa occidentale. Ma gli equilibri sembrano essersi incrinati durante la recente campagna elettorale, a causa di importanti disguidi organizzativi. A gettare ombre sul voto è stato il ritardo nella consegna delle nuove tessere elettorali – che fungono anche da carta d’identità biometrica e patente – che sono pervenute solo al 70% degli elettori. L’opposizione ha chiesto che il voto venisse rinviato, ma la richiesta è stata respinta. A molte centinaia di elettori senegalesi è stato così impedito di votare.
Le manifestazioni di protesta a Dakar sono state tutte disperse dalla polizia con gas lacrimogeni. Il anziano ex-presidente è rientrato in Senegal il 10 luglio scorso dopo cinque anni di soggiorno in Francia. (VoA)