Campagna Save the children
Save the children invita tutti i supporter e cittadini, che si troveranno a sostenere con passione le proprie squadre all'europeo di calcio francese, a mobilitarsi affinché l’Europa possa dimostrarsi campione di solidarietà verso i migranti in cerca di una vita migliore.

A poche ore dal fischio d’inizio dei Campionati europei di calcio 2016, Save the Children ha lanciato una campagna di sensibilizzazione per richiamare l’Europa al dovere di accoglienza e protezione dei migranti giunti nel continente.

Le reti degli europei loro le hanno viste tutte“: questo il messaggio dell’immagine virale,  simbolo dei tanti muri e barriere che l’Europa ha eretto scegliendo di proteggere i propri confini invece dei bambini stessi.

«I paesi europei sono chiusi nel proprio egoismo e affrontano il tema delle migrazioni e dell’asilo in modo frammentario» ha dichiarato Valerio Neri, direttore generale di Save the Children Italia.

Dal 2015 ad oggi oltre 1,2 milioni di persone hanno raggiunto l’Europa dopo essere stati costretti ad abbandonare il proprio Paese. Solo nel 2016 in più di 206.000 hanno già affrontato la pericolosa e spesso fatale traversata del Mar Mediterraneo.

Ogni giorno migliaia di famiglie e bambini, non accompagnati, intraprendono drammatici viaggi verso l’Europa alla disperata ricerca di un posto sicuro. Al momento in Grecia sono oltre 57.000 i minori,  le donne e gli uomini bloccati in campi, spesso privi di servizi igienici, o in veri e propri centri di detenzione. Reti e barriere li separano da una nuova vita.

Un invito a tutti coloro che tiferanno con passione le squadre delle loro nazioni: l’Europa deve dimostrarsi campione non solo nel gioco, ma anche nella solidarietà, offrendo aiuto e protezione ai bambini in fuga da guerre, violenza e povertà, facendo così vincere realmente i suoi valori fondativi.