Somalia

Seguendo le procedure previste dalla Costituzione, 92 deputati – il numero minimo previsto – hanno firmato una mozione che chiede l’impeachment del presidente Mohamed Abdullahi, detto Farmajo, presentata al presidente dell’assemblea parlamentare. La mozione dovrebbe essere discussa entro una settimana.

Il parlamento somalo ha 275 membri. Per essere approvata, la mozione deve essere votata da due terzi degli aventi diritto.

I motivi per la proposta del grave provvedimento sarebbero gli stessi che avevano già suscitato la protesta di diversi stati federali, i quali sostengono che il governo centrale agisca in violazione della Costituzione, interferendo in decisioni che competono ai governi locali. Vi compare inoltre il sospetto che il governo di Mogadiscio sia andato oltre le sue competenze anche nei recenti incontri con il primo ministro etiopico, Abyi Ahmed, e con il presidente eritreo, Isaias Afeworki. Vi si legge, infatti, che il presidente somalo avrebbe firmato in segreto accordi con altri paesi, e in particolare con Etiopia ed Eritrea, sull’uso dei porti e sulla cooperazione in materia di sviluppo economico e di sicurezza nazionale. (Thompson Reuters Foundation)