Somalia

Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha adottato ieri una risoluzione che proroga il mandato della Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Somalia (Unsom) dato che la nazione del Corno d’Africa ha di fronte a sé ancora molta strada verso la ripresa politica e una maggiore sicurezza. È stato prolungato fino al 7 agosto 2015.

La risoluzione – approvata all’unanimità dal Consiglio di 15 membri – riafferma il corpo delle Nazioni Unite nel “rispetto” della “sovranità, l’indipendenza politica, integrità territoriale e l’unità” della Somalia, permettendo anche all’Unione Africana (Ua) di pensare ad un temporaneo aumento della sua  Missione di pace nel paese, la Amisom. 

Inoltre, il Consiglio ha rinnovato la sua richiesta sia alle Nazioni Unite che all’Ua a definire le prossime fasi della campagna militare contro Al-Shabaab – il gruppo estremista islamico che ha intrapreso una lunga campagna terroristica contro governo Somalo e anche contro i paesi che partecipano con le loro truppe alla missione dell’Ua nel paese.

Nicholas Kay, rappresentante speciale del Segretariato generale per la Somalia e al vertice dell’Unisom, ha detto “c’è ancora molta strada da fare… Al Shabaab farà tutto il possibile per far deragliare il processo politico”.

Gli attacchi dei terroristi continuano a susseguirsi nel paese. Proprio durante il fine settimana, infatti, Yusuf Muhammad Dirir, un membro del Parlamento somalo, è stato ucciso insieme al suo autista, mentre un altro deputato, Abdullahi Ahmed Boss, è stato ferito nello stesso attacco. (Un.org)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati