Armi, Conflitti e Terrorismo Politica e Società Somalia
Mukhtar Robow nominato ministro per gli affari religiosi
Somalia: ex leader di al-Shabaab entra nel nuovo governo
03 Agosto 2022
Articolo di Redazione
Tempo di lettura 2 minuti
Mukhtar Robow

Nell’ambito delle nomine dei 26 membri del suo nuovo governo, il primo ministro Hamza Abdi Barre ha scelto di affidare il ministero per gli affari religiosi a Mukhtar Robow, co-fondatore ed ex portavoce del movimento terrorista al-Shabaab.

Nel giugno 2012 gli Stati Uniti avevano messo sulla testa di Robow – noto anche come Abu Mansour – una taglia di 5 milioni di dollari. Poi, nel 2015, si era separato dal gruppo jihadista e aveva pubblicamente denunciato al-Shabaab quando era entrato a far parte del governo, nel 2017, acquistando in seguito grande potere politico. Nel giugno 2017 Washington lo aveva rimosso dalla lista dei terroristi ricercati.

Era poi stato arrestato nel dicembre 2018 a Baidoa, mentre faceva campagna elettorale per la presidenza dello stato di South West, ed è stato agli arresti domiciliari fino a poco tempo fa. Nelle proteste che seguirono il suo arresto le forze di sicurezza uccisero almeno 12 persone, suscitando critiche da parte delle Nazioni Unite.

L’arresto di Robow provocò anche le dimissioni, in segno di protesta, del ministro dei lavori pubblici Abdifatah Mohamed Gesey, che viene da Baidoa e appartiene al suo stesso sottoclan (leysan).

La scelta di Robow (52 anni) per il posto di ministro per gli affari religiosi è una mossa che potrebbe aiutare a rafforzare la lotta contro il terrorismo jihadista o provocare ulteriori scontri tra clan.

Alcuni analisti ritengono che rientri nella nuova politica del presidente Hassan Mohamud (eletto lo scorso maggio) di attuare una guerra contro al-Shabaab su tre fronti: economico, ideologico e militare.

In questo senso la nomina a ministro per gli affari religiosi di Mukhtar Robow appare come un tentativo di incaricarlo del confronto ideologico contro al-Shabaab e potrebbe rafforzare le forze governative nella sua regione natale di Bakool, dove il gruppo detiene notevoli porzioni di territorio.

Copyright © Nigrizia - Per la riproduzione integrale o parziale di questo articolo contattare previamente la redazione: redazione@nigrizia.it