Somalia

Il capo dell’intelligence del gruppo islamico somalo al Shabaab sarebbe stato ucciso in un raid aereo del Kenya. Lo ha annunciato il portavoce militare kenyano, colonnello David Obonyo. Dal canto loro, i ribelli fondamentalisti hanno invece smentito la notizia definendola “una mera invenzione” per distogliere l’attenzione dalle “significanti perdite” tra le file dell’esercito kenyano.

Mahad Karate, noto come Abdirahim Mohamed Warsame, sarebbe stato ucciso dieci giorni fan isieme ad altri 10 comandanti del gruppo e a 42 reclute in un attacco contro il campo di Nadris, nel sud della Somalia, ha precisato il portavoce.

Secondo il Dipartimento di Stato americano, Karate è un terrorista che svolge un ruolo chiave nell’Amniyat, l’intelligence degli Shabaab, ritenuta responsabile, tra l’altro, dell’attacco dello scorso aprile all’università di Garissa in Kenya, in cui hanno perso la vita quasi 150 studenti. (Ansa)