Il racconto evangelico dell’Annunciazione nel corso dei secoli ha ispirato una miriade di poeti, teologi, filosofi e artisti. La maggior parte sono cristiani ma vi sono anche non pochi musulmani che a partire da Maometto sono rimasti affascinati dal mistero del concepimento verginale di Gesù.

Ne dà testimonianza il libro che raccoglie una vasta selezione di immagini – provenienti da Asia, Africa, Europa e America Latina di artisti di entrambe le religioni –, accompagnate da testi di credenti e poeti che aiutano chi legge a penetrare questo mistero.

Accanto alla riproduzione di immagini di capolavori – l’Annunciazione del Beato angelico, di Giotto, di mosaici e icone bizantini, di miniature mogol, per citarne alcune –, ci sono anche le immagini di dipinti, affreschi e sculture di autori meno conosciuti che appaiono in varie chiese e musei in diversi angoli del mondo.

Da non sottovalutare la ricchezza dei testi riportati, molti dei quali sebbene antichi continuano a essere sorgente di illuminazione e stupore. L’autore è vescovo emerito dell’arcidiocesi di Trento, che da vari anni partecipa al dialogo interreligioso e ha già pubblicato due libri sull’incontro tra cristianesimo e islam nella pittura e nella devozione a Maria.

Nelle pagine introduttive alla nuova opera indica così il suo intento: «…che la devozione a Maria favorisca l’incontro di profonda comunione con Dio e che le due più grandi religioni monoteiste trovino slancio per collaborare a beneficio del mondo intero».