Migranti / Spagna

Un gruppo di migranti si è scontrato con la polizia nel centro di Madrid, in Spagna, dopo la morte di un venditore ambulante originario del Senegal. Poliziotti in tenuta antisommossa e i vigili del fuoco sono stati dispiegati a Lavapiés, distretto nel centro della capitale spagnola con una grande popolazione di stranieri, mentre i dimostranti appiccavano il fuoco a bidoni della spazzatura e ad una moto, lanciando pietre.

I migranti hanno espresso così la propria rabbia per la morte di Mmame Mbage, un venditore ambulante trentacinquenne, arrivato 12 anni fa via mare. Secondo la polizia, l’uomo è stato trovato svenuto in una strada di Lavapiés da una pattuglia che ha cercato di rianimarlo e chiamato un’ambulanza, ma è morto per arresto cardiaco.

Diversa la versione data da molti altri venditori ambulanti suoi concittadini che erano con lui e che raccontano che Mbage era stato “inseguito dalla polizia municipale con una moto” fino al luogo in cui è morto.

Mbage era una delle migliaia di migranti che hanno raggiunto la Spagna in cerca di una vita migliore. Lavorava come venditore abusivo e inviava denaro alla sua famiglia, raccontano i suoi colleghi.

La Spagna è uno dei principali gateway per i migranti che arrivano in Europa, con oltre 27 mila ingressi nel 2017. (The Guardian)