Sud Sudan

Nè il presidente sud sudanese Salva Kiir, né il primo vicepresidente Riek Machar e il vicepresidente James Wani Igga e nessun ministro hanno partecipato sabato a Juba alla preghiera ecumenica organizzata dal  Consiglio delle chiese sud sudanesi (SSCC) cui erano stati invitati.

Nella lettera di invito del segretario generale del SSCC, padre James Oyet, si dichiarava che lo scopo dell’iniziativa era benedire, incoraggiare e supportare la leadership del paese. Era previsto che Kiir e Machar tenessero un discorso durante la preghiera che è stata guidata dall’arcivescovo cattolico di Juba monsignor Paulino Lukudo Loro, comboniano, e dall’ arcivescovo della chiesa episcopale Daniel Deng Bul.

L’intenzione positiva è stata ribadita durante la preghiera dall’arcivescovo Lukudo, che ha detto che sarebbero stati i leader religiosi a pregare per sostenere i leader del paese. Ha poi raccomandato di includere nel processo di pace anche le altre fazioni armate, in modo da portare una pace effettiva al paese. (Radio Tamazuji)