Sud Sudan / Scontri

Almeno 5 militari sono morti ieri durante alcuni scontri scoppiati nella capitale sud sudanese Juba tra soldati fedeli rispettivamente al presidente Salva Kiir e al suo vice Rieck Machar.

Secondo il portavoce governativo Lul Ruai Koang, un convoglio di uomini di Machar avrebbe aperto il fuoco contro un check-point presidiato da truppe fedeli a Kiir. Alcuni residenti riportano di aver sentito numerose raffiche di spari dopo l’arrivo di un convoglio di uomini armati che si è trovato la strada sbarrata dai militari dell’esercito.

Il quotidiano locale Sudan Tribune riporta che i due leader Kiir e Machar dopo un colloquio avrebbero richiamato alla calma i propri uomini per scongiurare un’escalation di violenze nella capitale.

Gli scontri arrivano a pochi giorni di distanza dalla quinta festa d’indipendenza nazionale del Sud Sudan, che ricorreva sabato scorso. Le celebrazioni erano state cancellate dal governo a causa della grave crisi economica che affligge il paese, tormentato da povertà e conflitti. (Bbc)