Sud Sudan / Usa

Gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni a due membri del governo del Sud Sudan e all’ex capo dell’esercito del paese. La misura, adottata ieri, congela tutte le attività che il ministro dell’Informazione, Michael Makuei Leuth, il vice capo della Difesa, Malek Reuben, e l’ex capo dell’esercito, Paul Malong Awan, hanno sotto la giurisdizione statunitense. Ai tre è da ora anche vietato l’ingresso negli Stati Uniti.

L’Amministrazione Trump ha inoltre imposto sanzioni a tre società sud sudanesi di proprietà o controllate da Reuben. Il Dipartimento di Stato ha scelto di colpire i tre uomini per i loro ruoli nella minaccia della pace, della sicurezza e della stabilità del Sud Sudan, paese da quattro anni in preda ad un sanguinoso conflitto civile che ha provocato quattro milioni di sfollati.

“Queste azioni inviano un chiaro messaggio a coloro che si arricchiscono a scapito del popolo sud sudanese: non permetteremo loro di sfruttare il sistema finanziario statunitense per spostare e nascondere i proventi della loro corruzione e dei loro comportamenti maligni”, ha detto Sigal Mandelker, sottosegretario per il terrorismo e l’intelligence finanziaria, in una dichiarazione pubblicata sul sito web del Tesoro americano. (VoA)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati