Sudafrica / HIV

Un nuovo rapporto pubblicato dall’Human Science Research Council (HSRC) riguardante l’incidenza del virus HIV in Sudafrica, mostra un declino significativo del numero di nuovi casi nel paese nel 2017, rispetto ai dati registrati l’anno precedente. Tuttavia lo studio sottolinea come il numero delle nuove infezioni resti alto, attestandosi a 231.100.

I ricercatori che hanno redatto il documento si dicono preoccupati per aver rilevato la persistenza di comportamenti rischiosi fra gli intervistati. Molti giovani uomini non fanno uso del preservativo e una parte consistente si approccia al sesso prima dei 15 anni. È emerso inoltre che più di un terzo delle giovani ragazze intervistate hanno rapporti sessuali frequenti con uomini più grandi di loro.

«È preoccupante che poco sia cambiato nelle abitudini dei giovani sudafricani dal 2012 ad oggi» ha commentato Mpumi Zungu, uno dei redattori dello studio, «questo significa che il calo delle infezioni è dovuto principalmente all’impatto dei trattamenti antiretrovirali».

Infatti, secondo quanto emerso dallo studio dell’HSRC, il 60% dei 4,4 milioni di sudafricani che vivono con l’HIV sta seguendo un trattamento antiretrovirale. Inoltre, i ricercatori hanno confermato ancora una volta che l’incidenza di HIV in Sudafrica è più alta nelle giovani donne dai 15 a 24 anni di età. (News 24)