Sudafrica / Corruzione

Il presidente sudafricano Jacob Zuma dovrà restituire 7,8 milioni di rand (510mila dollari) allo stato per le ristrutturazioni alla sua villa privata di Nkandla, nella provincia di KaZulu-Natal. Lo ha comunicato ieri la Tesoreria nazionale.

A marzo la Corte costituzionale aveva stabilito che Zuma avrebbe dovuto restituire una parte dei circa 16 milioni di dollari di fondi pubblici spesi per ristrutturare la sua residenza privata. Zuma per difendersi aveva definito i lavori come necessari al fine di incrementare il livello di sicurezza dell’abitazione, motivazione però respinta dalla Corte.

A stabilire la cifra di 7,8 milioni di rand (circa 450mila euro) è stata la Tesoreria nazionale sotto incarico della Corte.

Disoccupazione record e una recessione sempre più incombente hanno caratterizzato fino ad ora il periodo di leadership di Jacob Zuma, che nonostante le forti critiche è riuscito a rimanere al potere grazie all’appoggio dell’African National Congress (Anc), partito al potere dalla fine dell’apartheid nel 1994. (Reuters)