Sudan / Darfur

Dopo aver tergiversato per parecchie settimane, le autorità sanitarie sudanesi hanno ammesso che in Darfur si stanno verificando numerosi casi di dengue, una febbre emorragica che, pur essendo molto meno pericolosa dell’ebola, può avere esiti letali.

Secondo il Ministero della Sanità, sono finora almeno 203 i pazienti colpiti dalla malattia, che viene trasmessa da una zanzara. Tra questi, si sono finora registrati 83 morti, concentrati nello stato del Darfur Occidentale, e più precisamente nella località di Kereinik, dove la frequenza dei casi fa dire che ci si trova di fronte ad un’epidemia.

Da domenica è in zona un gruppo di esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità per valutare la situazione e decidere su un eventuale necessità di assistenza internazionale. (Radio Dabanga)