Sudan / Golpe militare

Dopo 30 anni al potere, il presidente del Sudan, Omar Hassan al-Bashir, è stato deposto e sono in corso consultazioni per istituire un consiglio di transizione per governare il paese. Lo ha comunicato in mattinata il ministro della Produzione e delle Risorse economiche in nord Darfur, Adel Mahjoub Hussein, alla Tv al-Hadath, con sede a Dubai.

Questa mattina l’esercito ha preso d’assalto il palazzo presidenziale nella capitale Khartoum ed in seguito è entrato, insieme ad alcuni manifestanti, nelle abitazioni alcuni politici legati al regime, come Awad Alhajz, leader del partito al potere e alto funzionario governativo.
Membri del governo sono stati arrestati e il presidente sarebbe agli arresti domiciliari.

Tutti i prigionieri politici sarebbero stati liberati.

I militari hanno preso anche il controllo della sede della televisione e della radio pubblica, annunciando nei sottotitoli, a scorrimento su canzoni patriottiche, che faranno importanti dichiarazioni molto presto.

Mezzi militari e membri delle Forze di supporto rapido si sono posizionati nei crocevia strategici della capitale.

Migliaia di sudanesi sono diretti verso il quartier generale dell’esercito, dove dal 6 aprile è in corso un sit-in pacifico di protesta. (Reuters)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati