Guinea Equatoriale

La Procura della Repubblica di Ginevra ha aperto un procedimento penale contro Teodoro Nguema Obiang Mangue, detto Teodorín, figlio del presidente della Guinea Equatoriale, Teodoro Obiang Nguema Mbasogo. Il quatrantasettenne – nominato lo scorso giugno dal padre vice-presidente e ministro della Difesa – è accusato di riciclaggio di denaro. Su richiesta del pubblico ministero, nei giorni scorsi gli sono state sequestrate 11 auto di lusso depositate nell’area di carico dell’aeroporto di Ginevra. Tra queste auto, secondo la stampa, anche una Bugatti Veyron, una McLaren P1, Ferrari e Porche. Teodorin è già sotto inchiesta in Francia e Stati Uniti con accuse simili. I pubblici ministeri svizzeri sostengono che lui (e la sua famiglia) abbia saccheggiato la ricchezza petrolifera del suo paese per arricchirsi e acquistare beni di lusso: auto, jet privati, edifici storici a Parigi e perfino memorabilia di Michael Jackson. La Guinea Equatoriale è nelle mani del più longevo dittatore africano, Teodoro Obiang Nguema, che guida il paese con pugno di ferro dal 1979. (BBC / Jeuneafrique)