Chiesa e Missione Salute Togo
La vita a Lomé
Togo e coronavirus: tutto aperto tranne le chiese
Prorogato il lockdown nel paese fino a metà agosto, anche se i numeri dei contagiati non appaiono preoccupanti. In realtà, i mercati non hanno mai chiuso e la vita sembra scorrere come sempre. Tranne per le chiese di tutte le confessioni. Il racconto del comboniano Manuel Ceola.
07 Luglio 2020
Articolo di Manuel Ceola
Tempo di lettura 1 minuti
togo

Temendo che il sistema sanitario nazionale non sia in grado di far fronte a un peggioramento della situazione legata al virus, le autorità politiche del Togo hanno prorogato il lockdown, in vigore da inizio aprile, fino a metà agosto.

In realtà, la vita scorre come sempre, tutto è praticamente aperto, mercati compresi, che sono un vero e proprio assembramento quotidiano. Chiusi solo, i luoghi di culto, tutti.

Situazione frustrante, il vuoto spinto, per chi è abituato alle grandi masse oranti delle domeniche e non solo.

Il racconto del comboniano padre Manuel Ceola, vicentino di Malo, missionario in Togo dal 2014, nella parrocchia di Adidogome, periferia nordovest di Lomé, la capitale. 

Copyright © Nigrizia - Per la riproduzione integrale o parziale di questo articolo contattare previamente la redazione: redazione@nigrizia.it
NIGRIZIA LUGLIO_AGOSTO 2022
Abbonati