Il rapporto annuale
Il numero di richiedenti asilo nei paesi industrializzati è aumentato del 20% nel 2011: lo dice il rapporto statistico annuale dell’Agenzia Onu per i rifugiati, pubblicato oggi, a Ginevra. Somalia, Eritrea e Nigeria sono i paesi da cui provengono la maggioranza dei rifugiati africani.

Lo studio. Le domande di asilo presentate nei paesi industrializzati sono aumentate nel 2011 del 20%: a rivelarlo, oggi, è stato il rapporto annuale dell’Alto Commissariato Onu per i  rifugiati. Secondo il documento, l’aumento del flusso di rifugiati verso il Nord del mondo sarebbe dovuto soprattutto alle “Primavere” del mondo arabo.

Sono state 441.300 le domande d’asilo registrate lo scorso anno in 44 paesi industrializzati, trend in crescita rispetto alle 368.000 presentate nel 2010.

 

Le provenienze. Sull’onda delle violenze scoppiate nell’Africa dell’ovest e nel mondo arabo, il numero di domande d’asilo ivoriane, libiche, siriane e tunisine hanno raggiunto un record nel 2011 con 16.700 richieste in più rispetto al 2010.

Riguardo i richiedenti asilo provenienti dalla Tunisia, le statistiche hanno rilevato un aumento di 9 volte superiore al 2010, passando da 900 nel 2010 a 7900 nel 2011. Tre quarti di queste richieste sono state presentate in Italia e in Svizzera.

 

Le destinazioni. Secondo l’agenzia Onu, il numero più importante di richiedenti asilo è stato osservato nel sud dell’Europa, dove sono state presentate 66.800 istanze d’asilo, con un aumento del 87%. “Gran parte delle domande per ottenere lo status di rifugiato sono state presentate da persone arrivate via mare in Italia e a Malta” precisa il rapporto.

 

Il confronto. “È importante mettere queste cifre in prospettiva – ha dichiarato l’Alto commissario Onu per i rifugiati, Antonio Guterres – La somma del numero di domande d’asilo presentate in tutti paesi industrializzati rimane comunque più bassa della sola popolazione del campo profughi di Dadaab, nel nord-est del Kenya”, campo che ospita fino a mezzo milione di profughi, per lo più provenienti dalla Somalia.

 

La classifica. Afghanistan, Cina e Iraq continuano ad occupare rispettivamente le prime tre posizioni, nella classifica dei paesi di origine, mentre, per il continente africano, è la Somalia, a collocarsi al primo posto, seguita da Eritrea, Nigeria e Tunisia.  

 

Gli Stati Uniti sono il paese che riceve il più alto numero di richieste – 74.000 nel 2011 – seguiti da Francia, Germania e Italia.  Il Sudafrica, paese non incluso nel novero dei paesi industrializzati, ha visto il più alto numero di domande d’asilo: 107.000 presentate tra gennaio e dicembre 2011.