Zimbabwe

Il presidente dello Zimbabwe Robert Mugabe ha attuato l’ennesimo rimpasto di governo. Mugabe ha sostituito ben sette ministri fra cui Kembo Mohadi, ministro di lunga data responsabile del ministero della sicurezza dello Stato. Ma lo spsotamento più eclatante fatto dal presidente è stato quello dell’ormai ex titolare dell’Informazione Jonathan Moyo a ministro dell’Istruzione superiore.

Il portavoce della presidenza, Misheck Sibanda, non ha comunicato le ragioni del rimpasto, ma ha affermato che Mugabe per il momento lascierà l’incarico del ministero dell’informazione vacante.

Comunque poco tempo fa, Mugabe aveva definito “diabolico” il ministro Moyo per la nomina al vertice dei media di Stato di direttori apparentemente non graditi alla presidenza. 

Nuovo incarico anche per Saviour Kasukuwere, nominato responsabile per le Amministrazioni locali dopo aver coordinato l’applicazione di una legge per la proprietà nazionale delle aziende strategiche.

Questo rimpasto di governo è il secondo da dicembre, quando Mugabe licenziò il suo decennale vice, Joice Mujuru, e molti altri ministri. 

Promozioni e destituzioni sono osservate con attenzione ad Harare anche perché Mugabe, al potere dal 1980, ha 91 anni e potrebbe preparare una successione. (Reuters)