Mauritania

3° sec.: arrivo dei popoli berberi. 7° sec.: giungono gli arabi e, gradualmente, le popolazioni originarie vengono emarginate. 9°-10° sec.: sorge il primo impero dell’Africa occidentale (Impero del Ghana), con la capitale situata nel sud-ovest della Mauritania; i berberi sono ridotti a vassalli dei nomadi regnanti. 11° sec.: ottenuto il controllo sui berberi, i guerrieri almoravidi stabiliscono la capitale a Marrakech, da dove dominano sull’Africa nord-occidentale e sul sud della Spagna. 1076: gli almoravidi si spingono ancora più a sud e sconfiggono l’Impero del Ghana. 1500: i primi naviganti e commercianti europei stabiliscono punti commerciali lungo la costa. 1644: i berberi si ribellano e creano un impero meridionale; seguono 30 anni di guerra; 1674: gli arabi sconfiggono i berberi; la risultante commistione di culture dà origine ai mauri e al loro stratificato sistema di caste.

 

1850-1870: la Francia ottiene gradualmente il controllo sulla Mauritania meridionale; i mauri sono soggiogati (1898), ed è creata la colonia di Mauritania (1904), che entra a far parte dell’Africa occidentale francese, amministrata dal Senegal (1920). 1946: la Mauritania è territorio francese d’oltremare. 1957: la capitale è fissata a Nouackchott. 1958: è concessa l’autonomia.

 

1960, 28 novembre: il paese diventa indipendente e rivendica alcuni territori del Sahara Spagnolo (oggi Sahara Occidentale); le miniere di ferro sono gestite da un consorzio transnazionale (Miferma) a capitale francese; il Partito popolare della Mauritania (Ppm), guidato da Moktar Ould Daddah, comincia a porre le basi di una vera indipendenza nazionale. 1965: il paese esce dall’Organizzazione comune africana e malgascia (Ocam) grazie alla quale Parigi cerca di mantenere la sua tutela sulle ex colonie. 1973: la Mauritania entra a far parte della Lega Araba. 1974: nazionalizzazione delle miniere. 1975-6: Nouackchott invia 3.000 soldati nel Sahara Occidentale, con l’intenzione di spartirsi l’ex colonia spagnola con il Marocco (che ha inviato 10.000 militari); scontri armati con il Fronte Polisario; violente rappresaglie da parte del Fronte in territorio mauritano; la Mauritania è virtualmente occupata dalle truppe alleate marocchine.

 

1978: scontento popolare, manifestazioni e scontri con la polizia; l’opposizione condanna l’annessione del Sahara Occidentale; luglio: colpo di stato militare contro Moktar Ould Daddah; inizia un periodo di 6 anni caratterizzato da cinque colpi di stato. 1979: trattato di pace con il Fronte Polisario; il Marocco si annette la parte di Sahara Occidentale abbandonata dalla Mauritania.

1980: Mohamed Khouna Ould Haidallah prende il potere. 1981: nuovo tentativo di colpo di stato con l’appoggio marocchino; si interrompono le relazioni diplomatiche con Rabat. 1984, dicembre: un golpe porta al potere il col. Maaouiya Ould Sid Ahmed Taya, che riconosce la Repubblica araba sahrawi democratica (Rasd).

 

1987: lunga serie di incidenti tra allevatori e contadini nelle zone di frontiera tra Mauritania e Senegal. 1989: la situazione si aggrava; circa 100.000 mauri neri sono scacciati dalle proprie terre e si rifugiano in Senegal; folle di mauri attaccano senegalesi disarmati a Nouackchott; centinaia i morti; rappresaglie di senegalesi contro cittadini mauritani a Dakar; chiuse le frontiere.

1991: un referendum approva il multipartitismo; l’opposizione si riunisce nel Fronte democratico unito (Fdu); cresce la tensione sociale; scioperi generali. 1992, gennaio: alle prime elezioni multipartitiche, Ould Taya sconfigge il principale rivale, Ahmed Ould Daddah, ed è eletto presidente; marzo: formazione di governo; il Partito repubblicano democratico sociale (Prds) ottiene la maggioranza assoluta dei seggi in parlamento (67 su 79). 1993: gli Usa interrompono gli aiuti per lo sviluppo per il disumano trattamento riservato alle popolazioni nere e per l’appoggio dato a Saddam Hussein nella guerra del 1991.

 

1997: Ould Taya rieletto (90% dei voti) in uno scrutinio boicottato dall’opposizione. 1998: organismi per la difesa dei diritti umani chiedono che si metta fine alla schiavitù in Mauritania. 2001, settembre: re Mohammed VI del Marocco visita la Mauritania. 2002, gennaio: il partito dell’opposizione, Azione per il cambiamento (che reclama maggior rispetto per i cittadini di colore e i discendenti degli schiavi), è messo fuori legge; giugno: il Fondo monetario internazionale cancella il 50% del debito estero del paese (1,1 miliardi di dollari).

 

2003, giugno: dopo un fallito colpo di stato, le truppe leali al presidente Ould Taya riprendono il controllo della capitale dopo feroci scontri con i soldati ribelli; ottobre: Moktar Ould Daddah muore a Parigi; novembre: Ould Taya è rieletto presidente; l’opposizione denuncia brogli elettorali; alla vigilia del voto, il principale oppositore, l’ex presidente, Khouna Ould Haidallah, è stato trattenuto per diverse ore con l’accusa di complotto e minaccia alla sicurezza dello stato; dicembre: Haidallah è condannato al carcere (ma la sentenza è sospesa).

 

2004, agosto: arrestati alcuni ufficiali, accusati di tentato colpo di stato; settembre: governo dichiara di aver sventato un altro golpe (il terzo in 15 mesi); ottobre: Ould Taya accusa Libia e Burkina Faso di aver finanziato i golpisti; dicembre: arresto dei principali dirigenti dell’opposizione.

2005, gennaio: l’Onu chiede aiuti alimentari per il paese, il più colpito dall’invasione di cavallette nel 2004; giugno: attacco armato contro una base militare nel Sahara (15 soldati uccisi) e il governo accusa insorti dall’Algeria; agosto: Ould Taya è rovesciato dai militari, che costituiscono un consiglio militare.

 

2006, febbraio: inizia la produzione di greggio off shore; giugno: un referendum approva il cambiamento costituzionale che pone il limite di due mandati di 5 anni alla presidenza. 2007, marzo: Sidi Ould Cheikh Abdallahi è eletto presidente (il primo democraticamente); aprile: il paese è riammesso nell’Unione africana (sospeso dopo il colpo di stato del 2005); agosto: il parlamento dichiara la schiavitù fuori legge (una pratica ancora in uso, nonostante un precedente bando nel 1981).

 

2008, gennaio: cancellato il rally Parigi-Dakar, dopo l’uccisione di quattro turisti francesi (si sospetta per mano di terroristi legati ad Al-Qaida); febbraio: attacco armato contro l’ambasciata israeliana a Nouakchott (sette persone ritenute legate ad Al-Qaida sono arrestate, ma subito rilasciate); aprile: arrestate otto persone sospettate dell’uccisone dei turisti francesi e dell’attacco all’ambasciata; maggio: membri dell’opposizione islamica moderata si uniscono al governo per la prima volta; 6 agosto: il gen. Mohamed Ould Abdelaziz orchestra un colpo di stato contro Abdallahi, sospettato di voler licenziare numerosi alti ufficiali dell’esercito; è creato un consiglio di stato; settembre: uccisione di 12 soldati, rivendicata da Al-Qaida, che chiama il popolo a sollevarsi contro i golpisti.

2009, gennaio: il governo militare promette un referendum costituzionale e le elezioni entro giugno; marzo: Israele chiude l’ambasciata a Nouakchott (dietro richiesta del governo, che attende la visita di Gheddafi); luglio: il gen. Mohamed Ould Abdelaziz vince le elezioni presidenziali; agosto: attacco kamikaze contro l’ambasciata francese a Nouakchott, rivendicato da Al-Qaida nel Maghreb islamico (Aqmi); novembre: l’Onu dichiara che la schiavitù persiste nel paese; Aqmi dichiara di aver rapito 3 operatori sanitari spagnoli: dicembre: Aqmi rapisce in Mali Sergio Cicala e la moglie Philomene Kaboureé, originaria del Burkina Faso.

 

2010, aprile: i due coniugi italiani sono liberati in Mauritania; Mauritania, Mali, Niger, Algeria formano un commando speciale comune per combattere il terrorismo; maggio: tre sospettati di appartenere ad Aqmi sono condannati a morte per l’uccisione di quattro turisti francesi nel 2007; luglio: la Mauritania vara leggi speciali per accordare alle forze di sicurezza maggiori poteri per combattere Al-Qaida; agosto: i due cooperanti spagnoli, rapiti da Aqmi in novembre, sono rilasciati in Mali; settembre: attacco dell’aviazione mauritana in Mali contro sospetti militanti di Aqmi che sono entrati nel territorio dopo aver rapito 7 stranieri in Niger; novembre: la Mauritania festeggia i 50 anni di indipendenza dalla Francia.

 

2011, febbraio: militanti di Al-Qaida uccisi in un fallito attacco a Nouakchott; marzo: membri di Aqmi condannati a morte per l’uccisione dell’americano Christopher Legget a Nouakchott nel 2009; aprile: a Nouakchott la polizia disperde con gas lacrimogeni un gruppo di protestatari che tentano di inscenare “un giorno di rabbia” contro il governo; settembre: inizia il dialogo nazionale per discutere le riforme; la polizia si scontra con manifestanti che contestano il censimento nazionale (avrebbe escluso le minoranze); novembre: il governo approva nuove stazioni radio e televisive, dopo l’annuncio della liberalizzazione dei mass media.

 

2012, gennaio: per mesi, rifugiati maliani si rifugiano in Mauritania, in fuga dalla ribellione tuareg nel nord del loro paese; marzo: l’ex capo dell’intelligence libica, Abdullah Al-Senussi, è arrestato poco dopo essere entrato nel paese; il governo dice di volerlo giudicare, anche se la Corte penale internazionale e la Francia ne pretendono l’estradizione; aprile: testi religiosi che ammettono la schiavitù sono bruciati in pubblico e il leader degli “abolizionisti”, Biram Ould Abeid, è arrestato; maggio: manifestazioni dell’opposizione chiedono le dimissioni del presidente Abdelaziz; novembre: Abdelaziz torna in patria dopo un mese di cure in Francia in seguito a ferite riportate in quello che il governo definisce “attacco erroneo” di forze dell’ordine contro il convoglio presidenziale.

 

2013, agosto: il presidente rinvia le elezioni legislative e amministrative al 23 novembre (1° turno) e 7 dicembre (2° turno) per consentire la partecipazione dell’opposizione che ha deciso di boicottarle; dicembre: alle elezioni parlamentari (le prime dal 2006) il partito del presidente, l’Unione per la Repubblica (Upr) vince la maggioranza dei seggi in parlamento; il voto è boicottato dall’opposizione.

 

2014, gennaio: insediamento della nuova Assemblea parlamentare; nel suo discorso alla nazione di inizio d’anno, il presidente annuncia l’insediamento di un tribunale speciale incaricato di perseguire i crimini della riduzione in schiavitù, ancora molto diffusa nel paese; Abdelaziz assume la presidenza dell’Unione Africana, in occasione del 22° summit dell’Organizzazione, ad Addis Abeba; giugno: Abdelaziz vince un nuovo mandato presidenziale quinquennale in una elezione boicottata dalle opposizioni: luglio: la Francia annuncia il varo di una operazione militare a lungo termine per prevenire la nascita di basi jihadiste nel Sahel, Mauritania inclusa; dicembre: Mohamed Cheikh Ould Mohamed, noto blogger nazionale, è condannato a morte per «blasfemia contro il profeta Maometto»; si attende la decisione della corte suprema.

 

2015, gennaio: tre attivisti politici, tra cui l’ex candidato presidenziale nel 2014 e leader dell’Iniziativa per la rinascita del movimento abolizionista (Ira), Biram Ould Abeid, sono condannati a due anni di prigioni per le loro proteste contro la schiavitù nell’aprile 2012.

 

2016, aprile: il caso del blogger Mohamed Cheikh Ould Mohamed è portato in corte d’appello; la condanna a morte è confermata, ma si attende ancora il verdetto della corte suprema; dicembre: i genitori del blogger fuggono in Francia.

 

2017, gennaio: la corte suprema rispedisce il caso del blogger alla corte d’appello; agosto: un referendum approva il paino del presidente di eliminare il senato e di cambiare la bandiera; l’unione dei sindacati degli Usa chiede al governo americano di interrompere le relazioni commerciali con la Mauritania, un paese in cui permane la schiavitù; novembre: la polizia disperde la folla che, riunita davanti alla corte d’appello, chiede la morte di Mohamed Cheikh Ould Mohamed; una settimana dopo, la corte riduce la condanna a morte a due anni di prigione (il blogger viene rilasciato, per aver già scontato la pena).

 

2018, gennaio: l’Unione africana rimprovera la Mauritania di non aver fatto nulla contro la schiavitù presente nel paese, nonostante il bando del 1991, la legge approvata nell’agosto 2007 e gli emendamenti del 2015; l’Unione impone al governo una ricompensa economica da dare due bambini schiavi «abbandonati e traditi dal sistema giudiziario» (gli unici due schiavi liberati nel paese); è la prima volta che l’Unione prende una simile decisione contro la “schiavitù ereditaria” ancora praticata in Mauritania; attivisti per i diritti umani parlano di diverse migliaia di schiavi presenti nel paese.

 

(Aggiornato al 3 marzo 2018)

Nome ufficiale: Repubblica islamica di Mauritania
Superficie
: 1.030.700 km2
Capitale
: Nouakchott (1.000.000 di abitanti)
Lingue
: arabo (ufficiale e nazionale), peul, wolof e soninké (nazionali), francese, hassaniya (una variante dell’arabo, contenente molte parole berbere)
Sistema politico
: repubblica presidenziale
Indipendenza
: 28 novembre 1960 (dalla Francia)
Capo di stato
: Mohamed Ould Abdelaziz (dal 6 agosto 2009; salito al potere con un colpo di stato contro Sidi Ould Cheikh Abdellahi il 6 agosto 2008, è stato eletto presidente il 18 luglio 2009)
Primo ministro
: Yahya Ould Hademine (dal 21 agosto 2014)
Religioni
: musulmani (99%); cattolici (0,16%), altri (0,84%)

 


Popolazione

Abitanti: 3.758.500 (stime luglio 2017)
Gruppi etnici
: mauri neri (40% – schiavi di lingua araba, ex schiavi e loro discendenti), mauri (30%: – bianchi non arabi, conosciuti come Bidhan), africani neri (30%: soninké, pulaar, peul, wolof, bamara)
Crescita demografica annua
: 2,17% (2017)
Tasso di fertilità
: 3,86 figli per donna (2017)
Popolazione urbana
: 61 %
Mortalità infantile
(sotto i 5 anni): 84,7/1.000
Speranza di vita
: 63,4 anni
Analfabetismo
(sopra i 15 anni): 47,9%
Prevalenza
Hiv: 0,5% (2016)
Accesso a servizi sanitari adeguati
: 40%
Accesso all’acqua potabile
: 57,9%


Economia

31% della popolazione vive sotto la soglia di povertà
Indice di sviluppo umano: 0,513 (157° su 188 paesi)

Prodotto interno lordo: 4,98 miliardi di dollari (17,37 miliardi di dollari a parità di potere d’acquisto nel 2017)
Pil pro capite annuo
: 1.324 dollari (4.500 a parità di potere d’acquisto nel 2017)
Crescita economica annua
: 3,8% (stime 2017)
Inflazione
: 2,1% (2017)
Disoccupazione
: 30%
Risorse naturali
: materiali ferrosi, gesso, rame, fosfati, diamanti, oro, petrolio, pesca
Prodotti agricoli
: datteri, miglio, sorgo, riso, cereali, bovini, ovini
Esportazioni
: minerali di ferro, pesce, oro, rame, petrolio (1,6 miliardi di dollari nel 2017)
Importazioni
: macchinari ed equipaggiamenti, prodotti petroliferi, beni capitali, cibo, beni di consumo (2,09 miliardi di dollari nel 2017)
Debito estero
: 4,12 miliardi di dollari (fine 2017)

Mauritania: Lanciata una campagna contro i farmaci contraffatti

Mauritania / Farmaci Il governo della Mauritania ha chiuso due centri di distribuzione di farmaci a Nouakchott, un provvedimento presentato come primo passo di una...

G5 Sahel: L’Europa annuncia un nuovo finanziamento di 138 milioni di...

G5 Sahel / Unione Europea L’Unione europea sosterrà la forza militare congiunta antiterrorismo G5 Sahel con un finanziamento aggiuntivo di 138 milioni di euro. Lo...

GR AFRICA – Martedì 2 luglio 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Mali: decine di morti in nuovi attacchi a villaggi Fulani nella regione...

Mauritania: Confermata la vittoria di Mohamed Ould Ghazouani alle presidenziali

Mauritania / Elezioni 2019 Il consiglio costituzionale della Mauritania ha confermato ieri la vittoria di Mohamed Ould Ghazouani alle elezioni presidenziali del 22 giugno con...

GR AFRICA – Giovedì 27 giugno 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Rd Congo: l’Onu rinnova le sanzioni per un anno. Mauritania: ricorsi degli oppositori...

Mauritania: Oppositori ricorrono contro il voto, 100 stranieri arrestati

Mauritania / Elezioni 2019 In Mauritania, due oppositori hanno depositato altrettanti ricorsi per chiedere l'annullamento del voto presidenziale di sabato scorso, che ha visto vincere,...

GR AFRICA – Lunedì 24 giugno 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Etiopia: sventato un tentativo di colpo di Stato. Centrafrica: più di un terzo...

Mauritania: Mohamed Ould Ghazouani dichiarato vincitore delle elezioni presidenziali

Mauritania / Elezioni 2019 Ieri sera, la Commissione elettorale nazionale indipendente (CENI) della Mauritania ha dichiarato vincitore delle elezioni presidenziali del 22 giugno Mohamed Ould...

Mauritania: Sei candidati in corsa per la presidenza alle elezioni del...

Mauritania / Elezioni 2019 Si aprirà venerdì prossimo la campagna elettorale in Mauritania per le elezioni presidenziali e legislative del 22 giugno. In corsa per la...

GR AFRICA – Giovedì 28 febbraio 2019

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Rd Congo: trivellazioni petrolifere nel parco di Salonga concesse da Kabila. Tanzania: investimenti...

Mauritania: Finanziamenti giapponesi all’industria della pesca

Mauritania / Giappone Il Giappone finanzierà con circa 12,8 milioni di dollari il settore della pesca in Mauritania. L’accordo è stato firmato ieri a Nouakchott...

Sahel: Terrorismo in crescita, più che raddoppiato il numero di vittime...

Sahel L'ondata di attacchi di gruppi jihadisti nella regione del Sahel occidentale - Mali, Niger e Burkina Faso, in particolare - riflette la loro crescente...

Burkina Faso. Ouagadougou assume la presidenza del G5 Sahel

Burkina Faso / Nuovi attacchi terroristici Le Forze speciali burkinabé ieri hanno "neutralizzato" 146 jihadisti in un attacco congiunto in tre dipartimenti settentrionali del paese....

Nuove promesse al G5 Sahel

Vertice dei donatori in Mauritania L’Europa annuncia un nuovo finanziamento di 125 milioni di euro per la forza africana anti-terrorismo, da anni in stand-by a...

Sahel: Oltre 1 milione di bambini soffre fame e malnutrizione

Sahel / Rapporto Onu / Malnutrizione Le Nazioni Unite lanciano l’ennesimo allarme sulla piaga della fame che colpisce l’Africa occidentale. Stando ai dati pubblicati venerdì...

Mauritania: Firmato un accordo con il Belgio per frenare l’immigrazione illegale

Mauritania / Accordo Migrazioni La Mauritania e il Belgio hanno firmato martedì a Nouakchott un accordo per combattere l'immigrazione illegale. Lo riporta l'agenzia di stampa...

GR AFRICA – Lunedì 5 novembre 2018

Radionews Ascolta le principali notizie dal continente, a cura della redazione di nigrizia.it I TITOLI: Egitto: uccisi 19 terroristi responsabili dell’attacco contro cristiani copti a Minya. Migranti: in...

Schiavismo in Mauritania: Gli Usa sospendono il paese dall’AGOA

Mauritania / Schiavismo / Accordi A partire dal 1 gennaio la Mauritania non beneficerà più dei vantaggi commerciali concessi dagli Stati Uniti nel quadro dell’accordo...

Mai più schiavi. Biram Dah Abeid e la lotta pacifica per...

Maria Tatsos Paoline, 2018, pp. 208, € 16,00 Il libro ha il merito di fare conoscere anche in Italia una persona di eccezionale levatura morale e...

Mauritania: L’Ue finanzierà la nuova sede del G5 Sahel

L'Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell'Unione europea (Ue), Federica Mogherini, ha annunciato un piano per il finanziamento della costruzione di...

Istituita una struttura interparlamentare tra i paesi del G5 Sahel

I parlamenti dei paesi del G5 Sahel si sono accordati per la creazione di una struttura interparlamentare a sostegno del G5. E’ quanto riferito...

ONU: 6 milioni di persone lottano per procurarsi cibo e acqua...

Il sottosegretario generale dell’ONU per le questioni umanitarie, Mark Lowcock, ha dichiarato martedì che milioni di persone hanno gravi difficoltà a procurarsi il cibo...

Libero il blogger “blasfemo”

Mauritania / Libertà di parola Condannato a morte per apostasia e dopo quasi 4 anni di carcere, Cheikh Ould Mkheitir è stato liberato in seguito...

Mauritania: Il governo oscura tutti i cinque canali televisivi privati

Mauritania / Media La Mauritanian broadcasting corporation (Mbc) ha sospeso ieri la trasmissione di tutti i cinque canali televisivi privati nel paese. Secondo il corrispondente...

Mauritania, vittoria dei “si” al referendum: via libera all’abolizione del Senato

Mauritania / Referendum In Mauritania il "sì" ha prevalso nel referendum svolto ieri. Due i questiti: le modifiche alla bandiera (85,6%  a favore e 9,9%...

Via libera dall’Onu alla forza anti-terrorismo dei G5 nel Sahel

Sahel / Terrorismo Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha “accolto favorevolmente” ieri la creazione di una forza militare di 5.000 uomini, operativa nella...

Sahel: I G5 chiedono 50 milioni di dollari all’UE per la...

G5 Sahel I paesi della regione del Sahel chiedono all'Unione europea 50 milioni di euro per contribuire ad istituire una forza multinazionale in grado di...

L'incubo di Abdel Aziz? I poeti!

ALTRE AFRICHE Davide Maggiore La notizia è di quelle destinate a far parlare. Se non altro perché coinvolge chi, della parola, ha fatto una ragione di...

L’odissea degli afro-mauritani

Una pagina ancora aperta Da ventotto anni ogni 9 aprile, i mauritani di pelle nera commemorano la drammatica deportazione di massa avvenuta nel 1989 ad...

Mauritania: Il Senato non approva la riforma costituzionale. E’ crisi politica

Mauritania / Costituzione Il Senato della Mauritania ha rigettato il progetto di riforma costituzionale presentata dal governo e approvata dalla Camera (Assemblea Nazionale). A sorpresa,...