Economia Sudafrica
Una nuova norma fitosanitaria blocca 300 container nei porti europei
Agrumi: contenzioso Sudafrica-Europa
12 Agosto 2022
Articolo di Redazione
Tempo di lettura 2 minuti
(Le Progrès)

Il Sudafrica ha depositato presso l’Organizzazione mondiale del commercio (Omc) una denuncia nei confronti dell’Unione europea (Ue). Il contenzioso riguarda 300 container di agrumi (arance e pompelmi) che sono bloccati nei porti europei in seguito a norme fitosanitarie introdotte lo scorso luglio dall’Ue.

Tali norme prevedono che per evitare la propagazione di un parassita degli agrumi – la finta carpocapsa – tutti gli agrumi destinati alla tavole europee debbano essere tenuti per 25 giorni a una temperatura inferiore o uguale ai due gradi Celsius.

Il Sudafrica ribatte che ha già preso tutte le misure necessarie per prevenire l’infestazione del parassita. E inoltre fa notare le norme Ue sono entrate in vigore quando le navi portacontainer avevano già lasciato i porti sudafricani.

Pretoria ha fatto sapere all’Omc che ha messo a punto nuovi documenti che integrano i nuovi criteri Ue e che dovrebbero consentire ai container di passare i controlli doganali. E nel frattempo l’Associazione africana dei produttori di agrumi (Cga) registra perdite per 12 milioni di dollari: una cifra ottenuta valutando il processo di decomposizione della frutta nei container.

Il Sudafrica è il secondo esportatore mondiale di agrumi freschi, dopo la Spagna, e il settore della produzione di arance e pompelmi vale due miliardi di dollari.

Copyright © Nigrizia - Per la riproduzione integrale o parziale di questo articolo contattare previamente la redazione: redazione@nigrizia.it