Costa d'Avorio / Tratta di minori

Nell’ambito di un’operazione contro la tratta di minori nella città orientale di Aboisso, le autorità della Costa d’Avorio hanno salvato 137 bambini vittime di trafficanti, destinati al mondo della prostituzione e al lavoro nelle piantagioni di cacao.

I bambini, di età compresa tra 6 e 17 anni, erano stati portati in Costa d’Avorio da Benin, Ghana, Niger, Nigeria e Togo. Le vittime sono ora in custodia presso un ente benefico ad Aboisso, in attesa che le autorità trovino i loro genitori.

«L’immagine della Costa d’Avorio è offuscata dal traffico di minori. Facciamo appello a tutti i genitori: il posto di un bambino è a scuola e non nelle piantagioni», ha detto il vicecapo della polizia di Aboisso, Kouadio Yeboue Marcellin.

La Costa d’Avorio dipende dalle coltivazioni di cacao e anacardi, e i contadini poveri dipendono dal lavoro minorile per raccogliere fagioli e noci. Le aziende occidentali del cioccolato, tra cui alcune multinazionali come Nestlé e Hershey, si sono impegnate a smettere di comprare fagioli prodotti grazie al lavoro minorile. I critici affermano però che tali sforzi hanno avuto solo un modesto successo. (Voice of America)