Senegal / Usa

Senegal e Stati Uniti hanno firmato a Dakar un accordo di cooperazione nel ramo della difesa, che prevede la “presenza militare permanente” delle truppe Usa nel paese, con l’obiettivo di contrastare  la “minaccia terroristica” in Africa occidentale.

L’intesa è stata firmata ieri dal ministro degli esteri del Senegal, Mankeur Ndiaye, e dall’ambasciatore statunitense a Dakar, James Zumwalt, alla presenza del ministro della Difesa senegalese, Augustin Tine.

Tra i punti previsti dall’accordo figura l’accesso dei militari statunitensi alle zone militari e agli aeroporti nel paese per soddisfare esigenze di sicurezza e sanitarie, ma nessuna informazione è stata fornita su eventuali basi statunitensi nel paese.

L’intesa “sancisce la presenza militare permanete dei militari Usa in Senegal e mira a fare fronte comune alle difficoltà in materia di sicurezza nella regione”, ha detto Ndiaye, precisando che l’accordo avrà una “durata indeterminata”.

Nel mese di febbraio il Senegal ha ospitato per la terza volta l’esercitazione militare Usa Flintlock, organizzata ogni anno dagli Stati Uniti nel continente africano.

Finora il Senegal è stato risparmiato dagli attacchi jihadisti che invece hanno colpito i paesi vicini come il Burkina Faso (la capitale Ouagadougou il 15 gennaio  facendo 30 morti) o la Costa d’Avorio (Grand Bassam 13 marzo con 19 vittime). A Dakar sono state comunque aumentate le misure di sicurezza in molti luoghi pubblici, come alberghi e le amministrazioni. (Le Monde / Afp)