L’agente di polizia, Maggiore Nur Afrah, ha riportato alla Reuters l’uccisione per mano di Al Shabaab di due funzionari del consiglio comunale e di un ex-legislatore. Anche un alto funzionario penitenziario è stato ucciso domenica nei pressi del mercato di Bakara, nella capitale.

I militanti islamisti hanno rivendicato gli attentati, minacciando di averne altri in programma. “Continueremo a uccidere”, ha detto alla Reuters Sheikh Abdiasis Abu Musab, portavoce delle operazioni militari del gruppo, che ha intensificato nelle ultime settimane gli attacchi in Somalia e nelle zone limitrofe. Sei persone sono rimaste uccise lunedì scorso in un assalto a un veicolo delle Nazioni Unite nella regione semi-autonoma dello Puntland, mentre altre 10 sono morte martedì per un attacco suicida in un ristorante di Mogadiscio. Gli attacchi sono spesso indirizzati a politici e funzionari.

Il gruppo islamista controllava ampie zone della Somalia, compresa la capitale, dalla quale è stato respinto nel 2011. Nonostante ciò, ha portato avanti una lunga serie di attentati ed è sconfinato più volte in Kenya, dove ha rivendicato l’uccisione di 148 persone nella strage all’Università di Garissa. (Reuters.com)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati