Somaliland

A metà della scorsa settimana il governo del Somaliland ha firmato un accordo con l’Etiopia e gli Emirati Arabi Uniti (EAU), per la gestione del porto di Berbera, importante scalo commerciale sulle coste del golfo di Aden di fronte all’omonimo porto yemenita.

L’accordo prevede la formazione di una compagnia le cui azioni sarebbero così suddivise: il 51% alla compagnia degli EAU (DP World), il 19% all’Etiopia, il 30% al governo del Somaliland. Immediatamente dopo aver ricevuto l’informazione, il primo ministro somalo, Hassan Ali, ha diramato un comunicato in cui dice di opporsi nel modo più assoluto all’accordo, sostenendo che l’uso delle risorse del paese deve essere concordato a livello di governo centrale.

Il Somaliland ha dichiarato la sua indipendenza dalla Somalia all’inizio della guerra civile, nel 1991, ma l’atto non è mai stato riconosciuto dalla comunità internazionale, dal cui punto di vista il Somaliland è uno stato autonomo all’interno dello stato federale somalo.

La compagnia DP World pochi giorni fa ha perso anche il porto per container di Doraleh, a Gibuti, il più moderno dell’Est Africa, la cui gestione è stata nazionalizzata dal governo gibutiano. (Africanews)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati