Tanzania / Stregoneria

La polizia tanzaniana ha arrestato 65 guaritori tradizionali in relazione al rapimento, uccisione e mutilazione di un numero imprecisato di bambini.

I fatti vennero alla luce lo scorso gennaio, quando nella regione sud occidentale di Njombe vennero trovati i corpi mutilati di sei bimbi. Un numero ancora imprecisato sono stati trovati anche nella regione settentrionale di Simuyu.

Secondo la polizia, gli omicidi sarebbero avvenuti durante riti per propiziare salute e buona fortuna. In Tanzania, come in altri paesi della regione, sono ancora radicate le credenze per cui utilizzare parti di corpi di bambini rafforzi il potere dei riti tradizionali.

Vengono considerati particolarmente efficaci le parti di corpi di bambini albini, che infatti sono generalmente in grave pericolo nel paese, dove possono essere venduti per grosse somme di denaro. Gli albini sono numerosi in Tanzania: se ne trova 1 ogni 1.400 persone (la media nei paesi occidentali è di 1 su 20.000) secondo dati sulla salute pubblica risalenti al 2006.

Per controllare l’operato dei guaritori tradizionali, l’ispettore generale della polizia, Simon Sirro, ha ordinato che tutti prendano una licenza che consenta loro di esercitare. Ha anche chiesto l’aiuto dei leader politici e religiosi, e delle istituzioni, per sradicare queste pericolose credenze. (BBC)