Dieci anni fa Banca Etica apriva il suo primo sportello scommettendo sulla possibilità di realizzare una banca che sapesse coniugare trasparenza, efficienza e solidarietà.
Nata nel 1999 a Padova dopo un lungo percorso portato avanti da associazioni del Terzo Settore, oggi Banca Etica, nel mezzo della crisi economica globale, ha bilanci solidi e grandi possibilità di investimento.
La filosofia di fondo, in base alla quale l’istituto agisce, è quella di sostenere aziende che si preoccupano non solo dei profitti, ma anche del benessere delle persone e della salvaguardia dell’ambiente, lontane dalla ricerca del profitto immediato.
Ce ne parla il direttore della Banca Popolare Etica, Mario Crosta.

(A cura di Michela Trevisan)