Camerun

Si è intensificato nel Camerun occidentale il conflitto tra separatisti anglofoni ed esercito. Ieri, in occasione dell’anniversario del referendum del 1961 che ha unito le due regioni di lingua inglese alle aree francofone che avevano appena ottenuto l’indipendenza dalla Francia, quattro persone sono morte quando uomini armati hanno fatto irruzione in un ospedale e dato fuoco alla struttura.

L’attacco è avvenuto a Kumba, centro commerciale della regione anglofona di South-West. Almeno altre quattro persone sono state uccise dall’inizio del mese a Buea, capoluogo della regione, duramente colpita dagli scontri tra separatisti e truppe regolari, iniziati nell’ottobre 2017.

Per il governo almeno 6 militari, 47 separatisti armati e 16 civili sono stati uccisi negli ultimi giorni. I separatisti dell’autonominata repubblica di Ambazonia sostengono che il numero di militari uccisi sia maggiore di quanto denunciato dalle autorità francofone.

Negli ultimi 16 mesi gli scontri armati sono stati intensi e numerose le violazioni dei diritti umani, con gruppi di indipendentisti che hanno attaccato stazioni di polizia, ospedali, scuole ed effettuato rapimenti di massa. Le cifre delle Nazioni Unite parlano di circa 437mila persone costrette a lasciare le loro case, e di altre 32mila fuggite oltreconfine, in Nigeria. (News 24 / Voice of America)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati